Missione Biblica

Quest’anno il tema che guiderà gli incontri sarà “In cammino con il Maestro, la Santità incarnata

Si tratta di un tema che vuole guardare alla nuova formazione pastorale delle 5 parrocchie unite in un unico progetto anche dal punto di vista biblico e personale.

Per scoprire i gruppi proposti leggi il volantino

images

Gesù sin dall’inizio della sua vita pubblica sceglie i discepoli e lo seguono pure delle donne (Luca 8).

Perché? Non è difficile rispondere. Appassionato com’è per tutta l’umanità, con sguardo d’amore la vede indecisa, stanca, insoddisfatta; la maggior parte delle persone pare come un mucchio di pecore senza pastore. Gesù sente compassione. Quando inizia a predicare la gente va dietro a Lui. Con la scelta dei dodici, dei suoi amici e delle sue amiche, vuole proporre un cammino alternativo dove Lui stesso si mostra il CAMMINO.

La proposta che fa è tutt’altro che facile: siate perfetti come il Padre mio è perfetto. Gesù ci propone il cammino della santità e della perfezione come la soluzione di tutti i mali esistenti. Gesù non solo insegna con le parole, non ci dice semplicemente di essere perfetti, ma ci aiuta amandoci concretamente, promettendo lo stesso suo amore (lo Spirito Santo) e formando una piccola comunità nella quale i membri si possono aiutare reciprocamente, con Lui sempre al centro. Questo maestro, questo buon pastore ci chiama fratelli, sorelle, amici e amiche perché sa che l’amicizia trasforma.

La missione biblica vuole farci conoscere questo Amico e percorrere il cammino che ha insegnato e che porta alla santità. Vogliamo fare questo cammino in piccole comunità ricordando il gruppo dei suoi amici perché Gesù ha promesso la sua presenza in questi gruppi. Ma che cosa fare per dire con Paolo: “Non sono io più che vivo, ma Cristo vive in me”? Come fare perché l’Amico Gesù sia il nostro comune amico e perché sia proprio Lui a unire i nostri gruppi ed unirci tra di noi? Ecco perché sono così importanti le beatitudini che noi mediteremo: sono la sintesi della vita di Gesù.

Il primo incontro sarà sulla importanza della santità nella nostra vita, come unico “mezzo” per la nostra realizzazione e la nostra totale felicità. Dopo cercheremo di fare nostri i sentimenti di Cristo con tre passaggi.

Anzitutto dobbiamo fare quello che ci è presentato nelle prime tre beatitudini che sono attitudini per superare le tre tentazioni che sempre ci assalgono: la superbia che è vinta con la povertà di spirito; i desideri di piacere sempre presenti nella vita (voglio fare digiuno e mi viene voglia di mangiare come Gesù nel deserto) che si vincono con il moderare, qui espresso con il pianto, la concupiscenza; vincere in noi la sete di potere e di violenza per mezzo della mitezza. Ecco allora che il cammino della santità consiste nel procurarsi quello che è necessario per la vita e tralasciare il superfluo. Senza questo atteggiamento, senza questa pace interiore dei desideri non sapremo mai relazionarci bene né con Dio né con il prossimo.

In secondo luogo viene la relazione con il nostro prossimo richiamata dalla quarta e dalla quinta beatitudine: essere giusti con i nostri simili in tutto e misericordiosi con coloro che, per varie cause, sono bisognosi di misericordia (14 opere di misericordia corporali e spirituali).

In terzo luogo dobbiamo vivere i frutti del percorso delle cinque beatitudini precedenti. Se viviamo sobriamente il nostro cuore sarà puro e così potremo discernere che cosa Dio vuole visto che, grazie alla nostra purezza, “vedremo Dio”. Se viviamo la giustizia e la misericordia saremo operatori di pace e così saremo in Gesù “figli di Dio”. E la nostra gioia sarà piena perché l’amicizia con Gesù ci garantisce la pace interiore e ci dà la forza per gestire le nostre relazioni con gli altri, seguendo il suo esempio.

Con l’ultimo incontro cerchiamo di porci in continuità con le prime comunità dei discepoli che vivevano in preghiera e manifestavano a tutti la gioia della continua presenza del Risorto con il suo Spirito.

Buona missione biblica 2019.

Condividi su:   Facebook Twitter Google